PREMESSA

Salve a tutti anche oggi sono qui per raccontarvi l’ultimo libro che ho appena finito di leggere. Questa volta, senza nemmeno rendermene conto, mi sono trovata immersa in un vero e proprio romanzo d’amore d’altri tempi ma andiamo con ordine. Forse mi ripeterò ma da quando ho il mio Kobo e-reader sto conoscendo autori e racconti che mai mi sarei aspettata di acquistare con il mio stipendio. Quando desidero acquistare un libro nel formato cartaceo, visto che i prezzi continuano a salire, ci penso su un pochino e cerco di comperare soprattutto thriller il mio genere preferito che raramente mi delude ma quando si tratta di e book, grazie a parecchi amici, riesco a leggere romanzi ovviamente non scelti da me ma gratuitamente.

Questa volta mi sono fidata di un’amica. Mi ha passato parecchi file di romanzi ma, visto che la conosco molto bene, ero quasi certa che si sarebbe trattato prevalentemente di storie d’amore o strappalacrime. Ognuno è libero di scegliere la lettura che preferisce e così tra i tanti titoli mi ha ispirato la copertina di questo romanzo. Niente di trascendentale ma era così semplice che ha attirato la mia attenzione.

Sembra quasi fatto apposta ma anche il precedente libro che ho letto era ambientato a Parigi e, visto che anche mio marito desidera vederla, quest’anno mi sa che le vacanze estive me le farò lì. A parte questo come ho detto prima si tratta di un romanzo completamente ed esclusivamente d’amore. Chi non ha il cuore tenero non deve assolutamente leggerlo. La cosa che mi ha colpita maggiormente è il fatto che il narratore sia un maschio. Non ho mai letto un racconto sentimentale dove il protagonista è un uomo. Si vede tutto da una prospettiva diversa. Ed io che immaginavo che gli uomini non soffrissero pene d’amore, che non versassero nemmeno una lacrima per una storia andata male, che tanto di donne al mondo ce ne sono a bizzeffe quindi perché disperarsi per solo una? E invece mi sono rivista ragazzina in lui, ho riprovato i sentimenti dell’abbandono, dell’incertezza, ho rivissuto i momenti di attesa degli appuntamenti, l’impazienza e la gran voglia di sapere se avevo fatto una buona impressione o meno. Però nei primi momenti mi è sembrato davvero strano che tutto questo potesse provarlo anche un uomo e poi anche l’autore è un uomo quindi devo desumere che a quarantadue anni sono ancora molto inesperta in fatto di sentimenti.

Lasciando perdere i miei pensieri un po’ sconclusionati adesso vi voglio raccontare la trama così da farmi capire meglio o almeno spero…

LA STORIA

Alain Bonnard è un giovane trentenne parigino che è sempre cresciuto a contatto con il cinema. Lui però adora i film d’annata, i film d’essai, quelli che non si possono mai dimenticare e che fanno parte della storia del cinema almeno per gli intenditori veri e propri. Alain è cresciuto in un cinema assieme a suo zio Bernard il Cinema Paradis e la sua infanzia è stata davvero molto bella grazie anche allo zio che gli faceva vedere i film che lui preferiva ma ha deciso di andare a vivere a Lione ed intraprendere un altro tipo di carriera.

Poi però riceve una lettera da suo zio che lascia Alain letteralmente senza parole. Bernard si è innamorato e ha deciso di chiudere il cinema per trasferirsi con la sua amata in Costa Azzurra. Alain ci pensa un po’ e non vuole lasciare il Paradis e le sue atmosfere così ritorna a Parigi e decide di rilevarlo.

Nel giro di pochissimo tempo Alain, dopo aver finito tutti i guadagni che aveva fatto a Lione, riesce a rimettere a posto il locale non trasformandolo nelle sale cinematografiche che ci sono oggi dove tutto è commerciale ma lasciando al cinema l’atmosfera dei tempi andati. Niente bibite o pop corn ma solo film. Introduce anche una nuova rassegna da proiettare il mercoledì in seconda serata dove vengono riproposti i più bei film d’amore di tutti i tempi.

Alain in fondo è una persona romantica e adora questi film che lo fanno sognare e la rassegna ha un notevole successo. In poche settimane quel piccolo cinema ormai dimenticato diventa uno dei luoghi magici di Parigi dove con solo il prezzo del biglietto potevi sognare quanto volevi. Spesso Alain assiste alle proiezioni e la sua attenzione viene catturata da una ragazza che tutti i mercoledì si presenta al secondo spettacolo con un cappotto rosso e si siede sempre nella stessa poltrona. Sembra sceglierlo accuratamente quel posto. Alain inizia a fantasticare su di lei ma non sa nulla di più di quello che vede quando le fa il biglietto e non sa come riuscire a parlare con lei. Una sera raccoglie tutte le sue forze e le chiede di uscire a cena. Alain e Melanie trascorrono una serata incantevole, vagando per i ponti di Parigi, parlando di film vecchi ma che fanno parte della storia come quelli di Truffalt, Rohmer e altri bravissimi registi francesi.

Dopo una lunga attesa si baciano e Alain è al settimo cielo. Melanie lo informa che per una settimana non sarà a Parigi in quanto deve andare a trovare sua zia anziana che l’ha cresciuta dopo la morte dei suoi genitori. Si danno appuntamento il mercoledì successivo al cinema. Alain è talmente fuori di sé dalla gioia da uno chiedere alla ragazza né il cognome e nemmeno il numero di telefono. Vive attendendo che trascorra in fretta il tempo che li divide.

Ma c’è un’altra notizia incredibile che lo sconvolge ancora di più: un famoso regista di New York, Allan Wood, vuole girare alcune scene del suo nuovo film proprio dentro al Cinema Paradis. Questo grazie alla protagonista Solene che era cresciuta proprio andando in quel luogo quando era bambina. Solene aveva vissuto i suoi primi amori in quel cinema e voleva ricordarlo in quel film memorabile.

La vita di Alain è davvero sconvolta: in meno di una settimana stanno succedendo talmente tante cose che non riesce ancora a crederci e non vede l’ora che sia il mercoledì successivo per raccontare del famoso regista alla donna che spera possa diventare il suo amore della vita. Purtroppo l’attesa è vana perché Melanie non si presenta allo spettacolo quel mercoledì e nemmeno i seguenti. Alain è disperato, non riesce a capire perché dopo la lettera che Melanie gli aveva lasciato colma di belle parole d’amore, lei non si sia presentata. E nella sua mente iniziano a macinare le scuse più impensabili. Ritorna dove l’ha accompagnata la sera in cui sono usciti ma nessuno sembra conoscerla, cerca invano il luogo dove lavora anche se non si ricorda bene il nome del proprietario del negozio. Insomma ormai non sa più dove sbattere la testa.

Perchè proprio ora che al cinema sono arrivati dei veri divi e sono diventati anche suoi amici Melanie non si fa vedere? Potrebbe esserci un nesso?…

COSA NE PENSO

Se devo essere sincera all’inizio ero davvero spiazzata. Troppe frasi sdolcinate, troppi complimenti, troppo sentimento, nemmeno mio marito mi ha detto le cose che il protagonista dopo nemmeno un’ora di appuntamento ha detto alla sua bella. Mi sembrava troppo dolce per i miei gusti e così le prime pagine hanno faticato molto ad andare giù e non riuscivo a trovare la voglia di prendere il mio Kobo in mano ed accenderlo. Poi, quando la narrazione si è fatta più interessante, in mezz’ora ho finito il romanzo. E adesso devo trarre le conclusioni. E’ un romanzo d’amore d’altri tempi proprio come i film che proietta il protagonista nel suo cinema, è un racconto tenero, pieno di sentimenti ma anche abbastanza simpatico e divertente.

Il modo di scrivere semplice, i pochi personaggi delineati alla perfezione e la storia non banale hanno reso un libro che ritenevo un po’ pesante e stucchevole abbastanza carino. Non dico che ci troviamo di fronte alla più bella storia d’amore di tutti i tempi ma chi ha il cuore infranto potrebbe usare questo romanzo come una terapia. E’ ovvio che il lieto fine c’è altrimenti che libro d’amore sarebbe e ogni tassello ritorna al suo posto ma anche le ultime pagine non mi hanno delusa.

Certo anche se è scritto da un uomo ed il protagonista è anch’esso di sesso maschile mi sento di consigliare la lettura solamente ad un pubblico femminile. E’ una storia semplice ma a volte la semplicità premia. Spero di avervi aiutati nella scelta della vostra prossima lettura. Un abbraccio Romina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...